Thomas Jefferson Papers

To Thomas Jefferson from Philip Mazzei, 24 January 1807

Pisa, 24 Gennaio, 1807

Stimsmo. Sigre., e Amico

Questa lettera Le pervenrà per mezzo del Sigre.’Antonio Filippi Genovese, attualmente in Boston per affari di commercio. Il Sigr. Gio: Batta Filippi suo Padre, cognito e per uno dei più solidi negozianti d’Italia, lo è ancor più per la somma sua probità. Il Sigr.’Antonio mi fù diretto nell’estate con una commendatizia da un grande Amico mio e coetaneo, affinchè io lo raccomandassi al suo patrocinio; ma per uno sbaglio, e per la subitanea inaspettata partenza del bastimento sul quale doveva traversar l’Atlantico, non potè vedermi, nè farmi pervenire la commendatizia. Da Boston ne informò il padre, onde il do. Amico mio me l’à reiterata per mezzo d’un altro figlio del Sigr. Gio: B. venuto qua per accudire al carico d’un bastimento mandata dal fratello di Boston a Livorno. L’indicato amico mio è il Senator Gianni, assai notò per i suoi talenti, e specialmente per chè devonsi ai suoi suggerimenti le savie leggi, che resero florida la Toscana sotto il Granducato di Leopoldo, alcune delle quali più non esistono, od altre son mutilate, o alterate a segno, che son rese inefficaci. I meriti di ognuno della famiglia Filippi sarebbero più che sufficienti per indurmi a supplicarla quanto so e posso di far godere al Sigr. Antonio gli effetti della sua Bontà, quando ancora non ci si unisse il mio ardente desiderio di corrispondere a quello di un tanto rispettabile Amico, il quale mi [. . . .] diviene sempre più caro, dopo che, tendendosi lontano dal suol natio che egli adora (perchè non può soffrire l’aspetto dei suol mali) à saputo ricufarsi al lusinghevole invite di tornare o dirigerne il timone, chiamandosene modestamente inabile a motivo della sua età, ma per delicatezza e prudenza (credo io) vedendo che l’intelligenza e la buona volontà sarebbero, nelle circostanze attuali, totalmente impotenti.

Pregandola di continovarmi la sua Benevolenza, ò l’onor di soscrivermi col debito rispetto e di vero cuore, Suo Devmo. Servo, e Affezmo. Amico,

F. M.

It.

Index Entries